Posted by on Set 23, 2013 in Cosa Fare

Pochi giorni fa è uscita una notizia a dir poco scioccante. Il cavaliere sta aguzzando l’ingegno per sfuggire alle grinfie della magistratura e questa volta spunta addirittura l’ipotesi di una sua candidatura alle europee in un altro Stato dove la legge Severino non ha alcun valore giuridico. Ottenere l’immunità parlamentare passando le elezioni Estoni quindi il progetto. Ma ci sono alcuni punti che rendono difficile questa possibilità:

  •  la questione ottenimento residenza e id card per cui è necessario effettivamente risiedere in Estonia per un tot di mesi ma non solo: è così scontato ottenere la cittadinanza per uno che dovrebbe già essere agli arresti domiciliari in Italia?
  • la questione morale: in linea teorica in Estonia con una condanna non ti candidi, trovare un partito o una lista che lo lanci nella candidatura sarebbe assai arduo perchè inevitabilmente la lista che lo ospita non sarebbe vista “bene” dall’elettorato.
  • la questione lingua: non è chiaro in che modo lui possa rispondere alle domande che vengono formulate per i parlamentari estoni in quanto non ha origini estoni

In ogni caso, a livello regolamento non sembrano esserci vincoli legislativi che gli impediscano almeno di provarci.

Abbiamo quindi deciso di scendere in strada a Tallinn e chiedere agli estoni cosa ne pensano di questa notizia, che idea si sono fatti, se lo voterebbero e se pensano che sia un degno rappresentante della cultura italiana nel bene e nel male. Queste sono le curiose e a tratti divertenti testimonianze che abbiamo raccolto:

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *